martedì 31 dicembre 2013

baccala' mantecato da 10 e lode!!!!

Con questa ricetta lascio l'anno alla grande! il baccala' mantecato e' la passione di molti ed il cruccio di alcuni. purtroppo la ricetta non va' a peso ma a q.b.,a sentimento,a occhio,come dico io...pero' due dritte posso darvele:
baccala' dissalato 1 baffa
latte q.b.
2 spicchi di aglio
un pizzico di prezzemolo tritato
olio evo o se non piace di semi di girasole.

Spellare il baccala',spinarlo  e tagliarlo a pezzetti mettendo da parte la pelle. mettere i pezzi del pesce in un tegame e coprirlo di latte,metterci i due agli e la pelle intera e farlo bollire 20/30 minuti. raccogliere la pelle e buttarla e cosi' anche gli agli. Mettere il baccala' raccolto con una ramina, ormai sbriciolato, in un contenitore stretto ed alto. A questo punto con un cucchiaio di legno iniziare a mescolare il baccala' e unire l'olio a filo(come si fa con la maionese) cercando di mescolare velocemente facendo cosi' incorporare piu' aria possibile a questa "crema",alternare all'olio qualche cucchiaiata di latte di cottura(se non e' troppo salato ,altrimenti latte fresco). Arrivati al punto che ritenete che sia condito il giusto aggiungere il prezzemolo ed ecco il baccala' e' pronto! servire con crostini. Se possedete una kitchen aid o un kenwood,mettere la frusta k risparmiate fatica ed il risultato e' eccellente! mettendo a velocita' media versare l'olio a filo(e qualche cucchiaiata di latte) fino alla densita' voluta...

buon 2014!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! a presto

lunedì 9 dicembre 2013

sbriciolata di cioccolato con crema.....indescivibile!!!!!

questa pubblicazione e' attesa da molti perche' dal momento che la Robby,colei che mi ha fornito la foto,le ha pubblicate su fb,sono stata invasa da richieste per avere la ricetta!
la fonte della ricetta e' a me sconosciuta o perlomeno la conservo nel mio data base,cosa certa e' che e' fantastica!!!! l'avevo gia' fatta altre volte qualche anno fa poi,dopo averal proposta all'inaugurazione dei corsi di cucina a fine settembre,ho pensato di  metterla nel menu' della vigilia che abbiamo fatto l'altra sera a "lacucinaincantata" ed e' stato un vero tripudio!!!
ecco la ricetta:

Per la frolla:
250 g di farina 00
1 cucchiaino e ½ di lievito
2 cucchiai di cacao amaro
75 g di zucchero
100 g di burro morbido
1 uovo intero



Per la crema:
4 tuorli
75 g di zucchero
65 g di amido di mais
500 g di latte intero
250 g di panna liquida fresca
3 cucchiai di rum
3-4 cucchiai di marmellata di amarene,ciliege, o amarene fritte

Setacciare la farina con il cacao ed il lievito. Impastare velocemente il burro con lo zucchero, aggiungere l’uovo intero e infine le polveri. Impastare fino ad ottenere una sorta di briciolame. Imburrare ed infarinare lo stampo. Stratificare metà del briciolame di frolla cercando di compattarlo leggermente quasi a formare uno strato.

 Montare leggermente i tuorli con lo zucchero, aggiungere l’amido di mais e infine i liquidi. Cuocere la crema finchè ispessisce e, quindi, aggiungere i cucchiai di rum.(io non l'ho messo)
Versare la crema sulla base di frolla, distribuire la marmellata aiutandosi con i rebbi di una forchetta cercando di amalgamarla alla crema in cerchi concentrici.
Ultimare la lavorazione distribuendo sulla superficie la seconda metà del briciolame.
Cuocere a 180°C per circa 30 min.
Far raffreddare la torta e a piacere  spolverizzare la superficie con un cucchiaio di zucchero al velo.

grazie mille alla Robby che mi ha fornito la foto!!!!!

lunedì 2 dicembre 2013

una focaccia morbida morbida e veloce!

iniziare il lunedi con una focaccia cosi' non e' male.... l'altro giorno ero in casa a preparare un po' di cibo da portare il giorno successivo allo stand di Curiosa Modena e ne approfitto per ringraziare Lara Vella di www.creareinsieme.it per la sua ospitalita'  ,dovevo anche mettermi avanti con i ricettari dei corsi di cucina ed ero senza pane per il mezzogiorno e ovviamente mi scocciava tantissimo uscire e allora cosa ho fatto?? ho impastato una focaccia veloce ed era talmente cattiva che i miei figlia l'hanno magiata tutta cosi durante il pomeriggio ne ho impastata un'altra per la sera che ha subìto lo stesso trattamento...
ingredienti:
300 gr di farina 0 
130 gr di acqua tiepidina
50 gr di latte
30 ml di olio evo
1 cucchiaino di zucchero(messo nell'acqua e lievito)
2 cucchiaini di sale fino
10/12 gr di lievito di birra fresco

mettere il lievito nell'acqua e aggiungere lo zucchero e lasciare schiumare.
nel frattempo mettere nel robot,o planetaria,o bimby oppure sul tagliere la farina,aggiungere l'acqua con il lievito,il latte e iniziare ad impastare,aggiungere l'olio e per ultimo il sale. impastare per un po' raggiungendo una consistenza morbida come "il lobo dell'orecchio",tirarla direttamente in una tortiera di un diametro di almeno 28/30 cm,io uso quella di alluminio foderata di carta forno e la copro con la carta da fioraio(la pellicola si appiccica all'impasto,questa no!) per un'oretta. Formare con i polpastrelli dei buchetti nell'impasto e versare qualche cucchiaio di acqua e di olio evo e un po' di sale grosso e rosmarino o origano. accendere il forno a 180° e dopo 5 minuti infornare la focaccia..nel giro di 15/20 minuti dovrebbe essere pronta ma valutate voi come si comporta il vostro forno! 
buon appetito e..buona cucina!!!

mercoledì 27 novembre 2013

una noce di burro! il nostro libro di ricette!!!


Ecco qua,finalmente,dopo mesi e mesi di lavoro ha visto la luce il nostro libro di ricette... una raccolta delle ricette piu' belle delle serate ai nostri  corsi di cucina, infatti il libro non e' diviso come solitamente viene suddiviso un ricettario ma per "serate" tipo.. "non dolo pane",serata con le pinne"(pesce) ,menu' della Vigilia, pasticceria di base,operazione risveglio e via dicendo... purtroppo la foto non rende giustizia.. la copertina e' cartonata,taglio a vivo nei bordi,rilegato a mazzetti cosi' sta aperto durante l'esecuzione delle ricette,ma aiuta anche l'elastico tipo Moleskin,e soprattutto la carta e' "usomano"cioe' ci si puo' scrivere sopra,per eventuali note ed appunti e soprattutto ..profuma di libro!!!!!
Tutte le foto le abbiamo fatte noi. Insomma non e' il solito libro di cucina! Gia' tante persone lo hanno comperato e stanno sperimentando le ricette con molto successo. Sono ricette che appartengono alla nostra tradizione culinaria,ricette di famiglia,ma anche ricette innovative...sono circa 95 quasi tutte con la foto.. il costo del libro e' di 15,00 e chi fosse interessato fuori zona di Modena e Reggio Emilia,ci pensiamo noi ad inviarlo via posta,scrivendoci a lacucinaincantata@gmail.com

saremo presenti a promuovere il libro anche in Fiera a Modena "curiosa modena" e chi fosse interessato a venirci a trovare puo' scriveci sempre al nostro indirizzo di posta cosi' gli inviamo l'invito con uno sconticino...
vi aspettiamo!!!!



lunedì 4 novembre 2013

gli gnocchi di pane grattugiato....cheap and chic!


Questa e' una ricetta  che risponde bene all'esclamazione : "ommioDio non ho nulla in casa cosa preparo per cena?????",infatti gli ingredienti sono elementari...facili da fare,buoni da mangiare e ricordano i sapori dei piatti delle nostre nonne...i piatti che risolvono la cena,riempono la pancia e guardano al borsellino... 
questa ricetta e' stata proprosta al corso di cucina  "..e giovedi gnocchi" che abbiamo fatto un mese fa a lacucinaincantata e ieri,nella giornata di Ognissanti,non sapendo cosa cucinare,ho aperto il frigo e ho trovato qualche avanzo di formaggio e rispondendo al quesito:"cosa posso accompagnare a questi formaggi fusi??? gli gnocchi di pane grattugiato!!!!"
ecco questa ricettina che da qualche tempo trova asilo del mio data base e che trovai qualche tempo fa sul web,ma di cui non ricordo l'origine :-( e che ricorda l'impasto dei passatelli,di cui l'importanza,anche qua e' il pane grattugiato,cioe' senza grassi rischio che si disfino..
ingredienti per 4/5 persone

400 gr di pane grattugiato(senza strutto o olio!)
2 uova medie
130 gr di parmigiano reggiano
400 ml di brodo vegetale o di carne
sale(poco)
pepe
noce moscata

per condire:
formaggi fusi avanzati(io asiago,gorgonzola,parmigiano, panna liquida e un po' di crema di tartufo)
speck e noci,
pancetta,
scalogno,
verdure,
insomma di adattano a tutto!!

ho messo il pane,il formaggio e le uova in una terrina,amalgamato con le mani e versato pian piano il brodo,poi ho passata l'impasto sul tagliere e formato una palla. Dopo aver fatto riposare un po' l'impasto ho preso dei pezzettini e rimaneggiati,strusciandoli quasi sul tagliere e poi formando un cordoncino,tagliato dei tocchettini piccoli e passati uno a uno su una forchetta. sembra un lavoro lungo e difficile ma basta prenderci la mano. Finita questa operazione e messi gli gnocchi sul vassoio ho messo su il tegame dell'acqua e nel mentre sciolto i formaggi. Ho tuffato gli gnocchi nell'acqua bollente e salata(attenzione all'abbinamento saporito),raccogliendoli con la ramina e messi man mano dentro alla padella del sugo e tirati un minuto. provateli perche' ne vale veramente la pena,non fosse altro per la semplicita' degli ingredienti!

mercoledì 16 ottobre 2013

ecco il nostro libro di ricette!!! "una noce di burro"...



ci siamo arrivate in fondo…stanotte sono stati dati gli ultimi ritocchi alla bozza  ed ora  e’ gia’ in partenza per la stampa il nostro libro di ricette, tanto desiderato, tanto voluto, tanto sognato e tra qualche settimana vedra’ la luce… si ,siamo matte scatenate, ce lo ripetiamo un giorno si e un giorno anche, ma le motivazioni sono scritte nella locandina che vi abbiamo allegato e soprattutto nel libro. Insieme a Bebi, la nostra santa che cura la grafica ed oltre, ci abbiamo trascorso l’estate, le giornate, le nottate…abbiamo fatto tutte  le foto, cucinato decine di piatti al giorno per cogliere l’anima del cibo con la luce giusta, corretto le bozze, scelto la carta, la copertina, l’impaginazione insomma ogni dettaglio e’ stato guardato e riguardato… non sara’ il solito libro di ricette, ma..il vostro libro, da sfogliare quando avete voglia di fare qualcosa di buono , strappandovi magari un sorriso ripensando alle serate trascorse insieme nella nostra, piccola ma calda cucina incantata….

Anna Maria e Silvia

mercoledì 18 settembre 2013

ecco il calendario dei corsi di cucina!


ecco il calendario!!!! faremo la presentazione ufficiale domenica 22 settembre a partire dalle 18 presso il ristorante MasQueNada a Sassuolo.(vedi post precedente)
per info sui corsi lacucinaincantata@gmail.com
un abbraccio e a presto con una ricettina!

venerdì 13 settembre 2013

e l'avventura continua! presentazione dei corsi di cucina de "Lacucinaincantata"!

Anche quest'anno Silvia ed Io ci metteremo alla prova proponendo i corsi di cucina a Sassuolo(Mo) nella solita nostra ..incantata sede e lavoreremo alacremente insieme alle nostre ragazze e ai baldanzosi uomini ma ci divertiremo anche un mondo!

Domenica 22 Settembre dalle ore 18.00 aspettiamo tutti quelli che vorranno condividere due chiacchiere e uno stuzzichino insieme a noi,presso il Ristorante MasQueNada,in piazza Salvo d'Acquisto,20 sempre a Sassuolo. 
ciaoooooooooo
Anna Maria e Silvia

sabato 31 agosto 2013

frittelle di quinoa....una bella novita' per tutti..e gluten free!!




Parliamo della quinoa,spesso scambiata per un cereale ma e' una pianta erbacea. Non contiene glutine e puo' essere consumata dai celiaci e da chi soffre di intolleranza al glutine. Si puo' macinare ottenendo cosi' una utile farina ed e' ricca di vitamine del gruppo B ,C ed E. Molto nutriente e non troppo calorica e' utile per la bellezza della pelle e per proteggere l'apparato circolatorio: Esistono tre varieta' contraddistinte dal colore:rossa,gialla e nera e si usano sia per la preparazione di dolci come i biscotti che salati come frittelline o crocchette,mini hamburger oppure nelle zuppe e nei minestroni al posto del riso o farro o anche come ripieno di verdure. insomma ha un'uso molto vasto. si raccomanda di lavare bene la quinoa prima dell'uso. Per lessarla si mette una parte di quinoa e due di acqua.

ingredienti:
200 gr di quinoa
350 gr circa di acqua
2 uova
50 gr di parmigiano reggiano
sale q.b.
erbe aromatiche:basilico,maggiorana,timo,prezzemolo
un pezzettino di aglio spremuto
pane grattugiato al bisogno
olio di girasole per friggere

lessare 10/15 minuti la quinoa,mi raccomando lavatela per bene in un colino a maglie fitte,sotto all'acqua corrente. Farla rafferddare. Mettere in una terrina le uova sbattute con una forchetta,il parmigiano,un pizzico di sale,le erbe aromatiche leggermente tritate e unire la quinoa fredda. l'impasto deve risultare non troppo bagnato. Formare delle palline con le mani. Mettere un dito scarso di olio in una padella e quando l'olio e' molto caldo metterci le palline leggeremente schiacciate e fategli fare una bella crosticina prima di girarle. non ci vuole molto..  nell'impasto si posono mettere anche verdure tritate a piacimento. Non assorbono neanche tanto olio. Mannaggia se sono buoneeeeeee!!!!

sabato 17 agosto 2013

gelatina di melone al rhum..che dire..sfiziosa!!!


Dalla meravigliosa riviera romagnola,dove cerco di ricaricare le pile,vi lascio questa ricettina, veloce,buona e di effetto. 
E' una preparazione che abbiamo fatto insieme alle ragazze, nella serata dei corsi di cucina de lacucinaincantata  dove abbiamo affrontato tre menu' veloci per l'estate e questo era uno dei tre dessert...


Un piccolo melone a polpa gialla
100 gr zucchero
50 gr rum bianco
Foglio di gelatina 6 gr
Limone
Tagliate a dadini il melone. Preparate uno sciroppo con 400 gr di acqua, il rum, lo zucchero, il succo del limone e la parte gialla della buccia. Lasciate sobbollire 5 minuti, eliminate la buccia, mettere il foglio di gelatina ammollato nell’acqua.

Distribuite la polpa di melone nelle coppette, unire  la gelatina preparata e mettere in frigorifero fino al momento di servirla.

buone vacanze e a prestissimo!!!!

giovedì 20 giugno 2013

degustazione birre artigianali della Bassa!! ce n'e' per tutti i gusti!!


La Cucina Incantata propone per Domenica 23 Giugno,dalle 18.00,presso la propria sede in Via Montegibbio,14 a Sassuolo, una degustazione di birre artigianali con accompagnamento gastronomico.
I birrifici sono BiRen di Dosso di Ferrara e come dice una nota del  del produttore : “ La storia del BiRen (acronimo di Birrificio Renazzese ma anche di "birra piccola" in dialetto) è piuttosto recente ma ha radici lontane che nascono dal grande amore per la buona birra, da viaggi in Germania e soprattutto dalla necessità di sopperire alla sete atavica degli abitanti di Renazzo. Sono tutte birre crude,non pastorizzate non filtrate e ce n’e’ davvero per tutti i gusti!”
Il Birrificio Vecchia Orsa e’ ora a San Giovanni in Persiceto e ha una storia un po’ piu’ complicata: nasce nel 2005,a Crevalcore, dal sogno di una coppia e negli anni e’ diventata cooperativa o meglio Fattoriabilita’:” La nostra cooperativa si compone così di un gruppo di
persone molto eterogeneo per ambiti ed esperienze professionali, ma accomunati dal condividere il valore della
diversità come risorsa per la società.”
Purtroppo nel 2012 subiscono anche loro danni ingenti dal sisma,ma grazie alla solidarieta’ degli emiliani si rialzano ed eccoli qua,pronti per farci degustare le loro fantastiche birre.
 Marzia,aspirante sommelier insieme ad  Anna Maria e Silvia de Lacucinaincantata,vi aspettano Domenica 23 Giugno per trascorrere una serata insieme in compagnia di una buona birra e buon cibo.
Per info
Marzia 3470183565 Silvia 3482662679 Anna Maria 3389295197

martedì 4 giugno 2013

cialde di grana con fave e salame..slurrppppp

Grazie a Morena per la foto,con inqudratura dall'alto e senza farlo apposta in tinta con tovaglia :-)
la ricetta proviene dal corso che abbiamo fatto sempre a Lacucinaincantata
 con tema "Garden Party",serata dedicata a tanti piatti cucinati da consumare poi con gli amici,in giardino..tempo permettendo.. grrrrrrr

vi lascio alla ricettina e al vostro palato

  
120 gr parmigiano grattugiato
3 cucchiai di fave sgranate  e stufate
2 fette di salame
Olio e.v.o. sale e pepe
Scaldate sul fuoco una padella antiaderente, spennellatela con poco olio e distribuite sul fondo il grana a mucchietti, ben distanziati tra loro. Lasciate che il formaggio si fonda in modo uniforme, girateli delicatamente con una spatola per non romperli. Cuocere le cialde per pochi istanti anche dall’altro lato, poi appoggiatele subito su piccoli bicchieri o tazzine rovesciati, facendole aderire alle pareti perché ne assumano la forma.
Riducete a dadini il salame e unitelo alle fave stufate. Con le fave e salame riempite le cialdine di  grana e servite subito.

Se non trovate piu' le fave fresche potete cercarle nei reparto surgelati. Sono in busta e non dovete fare altro che scottarle in acqua bollente e spellarle...ne vale la pena!!!!!

giovedì 9 maggio 2013

formaggio,pere,noci,miele,aceto balsamico...che dire..un delirio!!!!!!

Altra bella ricettina che abbiamo proposto al corso di cucina de "lacucinaincantata" nel quale abbiamo affrontato l'argomento "il buffet delle cerimonie",visto il periodo di comunioni,cresime e ricevimenti.
Facile da fare,ottima da gustare e di sicuro successo! Noi le abbiamo denominate pere in galera proprio perche',all'interno di questi formaggi c'e' la pera tagliata a dadini e fatta caramellare leggermente e "ingabbiata da tre formaggi..e per finire abbinata alle noci,il miele e l'aceto balsamico di qualita'!
 

4 piccole pere
100 gr roquefort in una fetta
200 gr taleggio
150 gr robiola
Miele di castagno
Scorza di limone
Vodka o vino
 noci , sale e pepe
Mettere la robiola in una ciotola con una grattata di pepe e lavorarla fino a renderla cremosa. Cuocere le pere tagliate a dadini  in abbondante acqua con la scorza di limone e mezzo bicchiere di vodka per 5/10 minuti, scolare e lasciare raffreddare.Oppure acqua e vino bianco.
fare poi caramellare un pochino le pere con un po' di zucchero di canna e fare raffreddare.
Foderare con la pellicola alcuni stampini usa e getta a forma di bicchiere . Mettere sul fondo di ogni stampino una rondella di roquefort  e una fettina di taleggio.
Aiutandosi con un cucchiaino, foderare le pareti degli stampini con uno strato di crema di robiola, mettere al centro i pezzettini di pera  e chiudere con una fetta di taleggio. Sigillare con la pellicola e mettere in frigorifero per almeno 1 ora. Sformare le terrine cosparse di noci spezzettate e miele e aceto balsamico o glassa di aceto.
successo garantito!!!

 

lunedì 6 maggio 2013

prosecco alla rosa...romantico e chic!!!!



troppooooo chic!!!!!!!!!! moooolto  romantico!!!!!!!!!!!!!
e' veramente veloce,semplice e d'effetto..bastano dei bocciolini di rosa,ovviamente commestibili e il gioco e' fatto....
contando che va un bocciolino di rosa per flute,state abbondanti perche' qualcuno in piu' insaporisce lo sciroppo,quindi per  una decina di flute prendete 15 bocciolini. Mettete in un tegamino 150 ml di acqua e 120 gr di zucchero e metteteci i fiori,fate andare sul fuoco almeno 5 minuti mescolando ed ottendendo cosi' uno sciroppino. Appena lo sciroppo e' freddo mettetene un cucchiaino dentro al flute aggiungendo anche un rosellina e poi versate il prosecco freddo e mescolate appena con un cucchiaino o miscelatore per cocktail ,vedrete che supermega figurona!!!

domenica 28 aprile 2013

sgombro farcito con patate e aromi....da urlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Anche questa ricetta fa parte di quelle presentate e ovviamente cucinate alle serate dei corsi di cucina de lacucinaincantata
Con un pesce facilmente reperibile e poco caro come lo sgombro riuscirete ad avere un piatto veramente appetitoso e non usuale. Provate e poi ditemi!!!!
 Fate a ttenzione perche' in questo caso lo sgombro e' aperto dall'alto,togliendo la lisca e le interiora senza aprire la pancia! anzi,appoggia sulla pancia!!provate a guardare a modo la foto!! non e' difficile:si parte incidendo dove parte la testa,seguendo la lisca fin quasi alla fine della coda, paio di centimetri dalla pinna finale,poi si incide alla stessa maniera isolando cosi' la lisca,si taglia con le forbici alla testa e alla coda creando una sacca,togliere le interiora,lavare e riempire con il mix di patate.


SGOMBRO FARCITO CON PATATE E AROMI
2 grossi sgombri freschi di 400 gr l’uno
3 patate
Basilico, prezzemolo
Una cipolla, uno spicchio d’aglio
Pangrattato
Succo di limone
Olio e.v.o.
Sale, pepe
Lavate bene i pesci, incideteli con un coltello affilato dalla parte del dorso lungo la lisca, dalla testa fino alla coda. Eliminate la lisca e le interiora cercando di non separare le due metà. Lessate le patate intere, scolatele appena saranno tenere, sbucciatele, lasciatele raffreddare e tagliatele a dadini.
Tritare 2 cucchiai di basilico e 2 di prezzemolo con la cipolla e l’aglio. Condite le patate con il trito, e 2 cucchiai di olio, sale e pepe. Farcite i pesci con il composto preparato e legateli con lo spago in modo da tenerli u niti.
Sistemate i pesci in una pirofila, cospargeteli di pan grattato, condite con un filo di olio e succo di limone. Cuocere in forno caldo a 180° per 20 -25 minuti. Servite i pesci divisi in due parti